© 2023 by Galleria Rossini di Rossini Marco. Sede Operativa: Viale Monte Nero 58 - 20135 Milano P.IVA 07197170967 

E-mail: info@galleriarossini.it | Tel: +39 02 39980146

Look at the Cat è un atelier, fondato nel 2014 da due architetti Silvia Frigerio e Mascia Arienti, come espansione dell’attività nel campo nella didattica dell’arte e del progetto creativo, ormai decennale, del Labo Gatto Meo, Laboratorio Bruno Munari® qualificato da ABM®, con sede a Seregno (MB).

Il nuovo progetto creativo dei due architetti i - Collier - propone pezzi unici di design, sculture per il collo come amano definire la collezione, nata dal significato stesso della parola collier.

Nella moda del XV sec. il koller o goller, dal francese collier, corrispondeva a un colletto da donna ricoprente collo e spalle; nel significato comune, adottato ormai anche nella lingua italiana, identifica il girocollo o collana di preziosi.

Indumenti e al contempo gioielli per il collo, da questa fusione nascono i Collier della Look at the Cat.

Gioielli disegnati reinterpretando le forme del colletto, storico completamento della camicia o della veste, dalla semplice striscia di panno medievale ai più articolati e complessi apparsi nei secoli successivi nella moda sia maschile che femminile.

I Collier sono realizzati in pelle di nappa in diverse combinazioni di colore impreziositi da componenti in plexiglass, in ottone, rame o alluminio.

Ogni pezzo, pur riferendosi ad un modello, si presenta come unico, per i ricami e gli oggetti di rifinitura come le foglie in rame o i quadranti di orologi e lance in ottone; oggetti di recupero, recuperati, in numero limitato per questa collezione.

Ogni Collier è realizzato a mano e su misura, garantendo nella sua artigianalità, progettualità e unicità.

La Look at the Cat di Silvia Frigerio e Mascia Arienti si pone come una proposta alternativa e creativa per la moda; una visione, quella dei due architetti di autonomia del colletto rispetto all’abito e, come un gioiello, trasportabile da un capo di abbigliamento all’altro.

Il gioco progettuale tra i significati e le forme degli oggetti fa parte di ogni proposta in ambito creativo dei due architetti.

Look at the cat